MUSEI

Straordinario viaggio virtuale nei bellissimi musei delle Marche

Quella delle Marche è una delle regioni che mi manca, e che spero di poter visitare presto dopo l’emergenza sanitaria per il coronavirus. Nel frattempo se, come me, volete scoprirne i tesori, vi segnalo una bellissima iniziativa che porta i principali musei di questa bellissima regione on-line, per un viaggio straordinario all’insegna della bellezza.

Un’iniziativa che è stata realizzata grazie al progetto della Regione Marche e Fondazione Marche Cultura insieme a Icom Marche, che si sono uniti per raccontare l’arte e i patrimoni dei musei regionali.

Oltre 60 clip video per un totale di più di 30 musei, ma anche comuni e enti culturali, che potete raggiungere sul blog www.destinazionemarche.it. I video sono stati prodotti per l’occasione o appositamente rielaborati e mostrano una forte vocazione social. Una playlist di bellezza e del patrimonio culturale marchigiano da (ri)scoprire, che precede un’altra grande iniziativa, il Grand Tour dei Musei edizione 2020 (sul web dal 18 al prossimo 24 maggio).

Dal Museo della Carrozza nei musei civici di Palazzo Buonaccorsi a Macerata a Palazzo Bisaccioni, è un viaggio per grandi e piccoli che a visite istituzionali e approfondimenti affianca anche laboratori e didattica.

Non manca nemmeno la divertente Videoguida semiseria della Pinacoteca Sarnano che con sarcasmo e brio racconta quadri e opere del percorso museale.

Grande soddisfazione di Moreno Pieroni, assessore regionale al Turismo-Cultura che vede in questo progetto “un’opportunità alternativa di ‘uso’ di musei e collezioni”. Secondo l’assessore infatti è questo il momento migliore per sperimentare nuove forme di comunicazione museale, che troveranno sempre più spazio per il futuro.

E di certo, dopo questa esperienza, molti altri musei italiani comprenderanno che è soprattutto sul web e su piattaforme social che devono puntare, per non perdere quel contatto con il pubblico fondamentale per creare una fidelizzazione di visitatori e un rapporto quasi simbiotico con il museo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *