EVENTI E MOSTRE

Ritorna a suonare l’organo di Santa Caterina da Siena a Napoli

Se il COVID ha messo a dura prova il settore del turismo e quello culturale, Napoli e le sue tante anime non si arrendono, e si preparano a quella che sembra una nuova primavera napoletana, un momento di rinascita dopo la tempesta dei lockdown e delle tante restrizioni.

È probabilmente questo lo spirito con cui inizia A canne spiegate, da oggi, 6 giugno, un ciclo di quattro concerti attraverso i quali il maestro Canio Fidanza torna a far suonare il prezioso Cimino, il settecentesco organo storico della Chiesa di Santa Caterina da Siena a Napoli.

Restaurato dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena, viene idealmente inaugurato con questo ciclo di incontri gratuiti (ma con prenotazione obbligatoria) all’interno della chiesa, ma anche all’esterno, attraverso un sistema di amplificazione e diffusione, così da far ascoltare anche agli adiacenti vicoli e le rampe di scale la musica che fuoriesce da un capolavoro assoluto.

L’appuntamento è per le 11.30 e per mezzogiorno, e vedrà protagoniste partiture della fine del 1500 composte dal maestro fiammingo Jean de Macque.

Il programma sarà diverso per ogni appuntamento, e sarà dedicato alla scuola organistica del Seicento napoletano.

L’iniziativa rientra nelle attività della Fondazione Pietà de’ Turchini di Napoli, ed è realizzata in collaborazione con il Conservatorio di San Pietro a Majella.

Appassionati e curiosi potranno così ammirare ed ascoltare questi capolavori del barocco ogni domenica fino al prossimo 27 giugno: «È il nostro modo per ripartire – ha detto Federica Castaldo, presidente della Pietà de’ Turchini – e per rendere omaggio a tutto ciò che abbiamo nel cuore: la musica, la nostra storia, il nostro pubblico e la nostra città».

I concerti per organo di A canne spiegate si inseriscono in un programma molto più esteso che rientra nel progetto La Campania è Teatro, Danza e Musica, promosso da ARTEC/Sistema MED in collaborazione con SCABEC Società Campana Beni Culturali e Fondazione Campania dei Festival.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *