ARTE

RaiPlay, la vera “Netflix della Cultura”: 10 cose da vedere gratuitamente

Trai i DPCM, zone rosse e chiusure forzate se c’è una cosa di cui sentiamo veramente la mancanza, quella è l’apertura dei musei italiani. Da troppo tempo i nostri luoghi della cultura sono preclusi al pubblico, desideroso di un contatto con l’arte e della serena contemplazione della bellezza.

In questi mesi, di lockdown prima e di differenziazione di zone dopo, si è molto parlato di una cosiddetta “Netflix della Cultura”. A proporla era stato Dario Franceschini, Ministro dei Beni Culturali, che ha proposto un accordo con la piattaforma streaming Chili.it di ben 19 milioni di euro, di cui 9 per creare una newco con Cassa Depositi e Prestiti e ben 10 milioni da parte del Mibact.

La piattaforma consentirà a chiunque di prendere parte ad eventi da ogni parte del mondo.

Ma, in vista dell’approvazione e dell’avanzare dei vaccini e, si spera, di un graduale ritorno alla vita normale pre-covid, ci si chiede se era ancora necessario investire una tale somma in una piattaforma privata, quando in Italia abbiamo RaiPlay che propone contenuti di prima qualità.

La piattaforma streaming di Mamma Rai infatti, ha attivato dal primo lockdown la sezione learning, che è andata ad aggiungersi alla preesistente sezione documentari.

Il risultato è un catalogo di prim’ordine, che va dalle monografie su artisti e correnti pittoriche, passando per il cinema e approfondimenti storici.

Produzioni italiane e documentari stranieri, vanno ad affiancarsi a serie di grande qualità come Ulisse – il piacere della scoperta, Meraviglie e Passaggio a Nord-Ovest che vedono il volto e la firma di Alberto Angela, ma anche approfondimenti naturalistici e scientifici.

Anche la sezione “viaggi” è ben rappresentata, con le scoperte di Paesi che vai… di Livio Leonardi, la serie e gli spin-off di Linea Verde, Linea Blu e Linea Bianca e tutta una serie di titoli, servizi e speciali che già rappresentano una vera e propria “Netflix della Cultura”, inclusa nel canone RAI.

Franceschini avrebbe potuto spingere affinché RaiPlay creasse una sezione dedicata per trasmettere contenuti, magari con costi aggiuntivi, di cinema, rassegne teatrali e visite virtuali in luoghi della cultura, così da sopperire all’emorragia di spettatori, visitatori e fondi che sta duramente colpendo il comparto turistico-culturale.

Era proprio necessario investire tanto in una piattaforma privata?

Ecco le 10 cose che non dovete assolutamente perdere su RaiPlay:

  1. Fellini degli spiriti (documentario che celebra il centenario della nascita del regista premio Oscar)
  2. Museo Italia (Antonio Paolucci ci accompagna nei più bei musei italiani)
  3. La vera natura di Caravaggio (12 puntate su Caravaggio in compagnia del Professor Tomaso Montanari)
  4. I silenzi di Vermeer (ancora Tomaso Montanari che in quattro puntate ci spiega l’opera dell’artista fiammingo)
  5. La Libertà di Bernini (documentario sullo scultore Maestro del Barocco)
  6. Degas – il corpo nudo (viaggio nelle opere dell’artista che più di tutti ha osato e sperimentato con il corpo)
  7. Museo d’Orsay – lo spettacolo dell’arte (uno dei più famosi musei parigini a portata di mouse)
  8. I più grandi musei del mondo (quattro puntate da Madrid a San Pietroburgo)
  9. Pompei – ultima scoperta (documentario che presenta le ultimissime scoperte sul sito archeologico più famoso al mondo)
  10. Italia viaggio nella bellezza (viaggio attraverso i nostri straordinari tesori di storia dell’arte)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *