CINEMA

Paolo Sorrentino torna a casa: il regista gira un film su Maradona nella sua Napoli

Dopo Ferzan Ozpetek, Saverio Costanzo e tante produzioni seriali, a Napoli arriva Paolo Sorrentino, il regista partenopeo premio Oscar per La Grande Bellezza che torna nella sua città natia a vent’anni esatti dal suo film d’esordio.

Il film, il cui cast è ancora top secret, si intitolerà È stata la mano di Dio, e non poteva che essere dedicato a Maradona, il mito che più di ogni altro Sorrentino ammira e che, da La Giovinezza a The Young Pope, passando per The New Pope, tante volte ha citato nelle sue opere, e che ringraziò pubblicamente alla premiazione degli Oscar.

Imminenti le riprese di quello che sembra un vero e proprio atto di fede. Sorrentino torna così a girare e raccontare Napoli, e il Napoli, lungo il filo conduttore di quello che è ancora oggi il campione per antonomasia, nel cuore dei napoletani e presente nella memoria storia della città e dei tifosi.

Ad accaparrarsi questa produzione è Netflix, che dopo Alfonso Cuaron con Roma e Martin Scorsese con The Irishman annovera ora nel suo carnet un altro regista premiato dall’Academy, puntando, forse, a vincere un’altra statuetta: «La sintonia con Teresa Moneo, David Kosse e Scott Stuber – di Netflix, sul significato di questo film, è stata immediata e folgorante. Mi hanno fatto sentire a casa, una condizione ideale, perché questo film, per me, significa esattamente questo: tornare a casa» ha detto Sorrentino, che di questa pellicola è regista sì, ma anche produttore insieme alla The Apartment di Lorenzo Mieli.

«Per costruire una grande casa di produzione, servono grandi filmmaker da ogni parte del mondo, che raccontino storie in tutte le lingue» ha detto Scott Stuber, capo dei film del colosso dello streaming mondiale.

Ma perché questo titolo? “È stata la mano di Dio” fu una frase passata alla storia con cui El Pibe de Oro giustificò un gol dell’Argentina contro l’Inghilterra segnato irregolarmente, di mano, nei quarti di finale ai mondiali dell’86. La stessa partita che passò alla storia dove Diego Armando Maradona segnò quello che è stato definito il gol del secolo scartando tutti gli avversari.

Le riprese dunque, disposizioni covid permettendo, dovrebbero partire a breve e la Napoli di Sorrentino e quella di Maradona già non vedono l’ora.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *