LIFESTYLE

Non sono i Caraibi. Lo spot della Sicilia per un turismo di prossimità

Con i suoi ottomila chilometri di costa ed un variegato panorama che va dalle Dolomiti alle spiagge di Lampedusa, l’Italia è da sempre meta ideale degli stranieri. Francesi, inglesi e tedeschi sono tra i a preferire i nostri paesaggi alle proprie bellezze. Tuttavia nemo profeta in patria, nessuno è profeta nella propria patria, e questo non fa eccezione nemmeno per il nostro Paese, amato dagli stranieri, ma spesso snobbato da giovani e giovanissimi, soprattutto, che vedono negli altri Paesi l’erba più verde del proprio.

In questo momento di rilancio del turismo post-covid è più importante che mai promuovere il proprio territorio, ed è probabilmente con questo stato d’animo che è stato realizzato il bellissimo spot della Sicilia Occidentale.

Nel promo infatti vengono mostrati scorci, colori e monumenti che spesso noi italiani andiamo a ricercare altrove: il mare cristallino dei Caraibi, le tinte forti di Marrakech, i templi di Atene.

Luoghi dove è possibile lasciarsi incantare da profumi e sapori di terre (apparentemente) lontane.

Solo in un secondo momento infatti lo spettatore scoprirà che l’acqua turchese è quella della Sicilia Occidentale, i colori sono quelli di Mazara del Vallo, i templi di Segesta.

Forse per alcuni occorreva il coronavirus e le limitazioni di spostamento per capire che è possibile ritrovare i panorami delle Cicladi alle Egadi, i tramonti di Zanzibar a Paceco e persino le vigne della Borgogna a Valderice (Trapani).

Culla della Magna Grecia, la Sicilia è l’isola che si affaccia su quel Mediterraneo di cui ha saputo cogliere culture e influenze: dall’opulenza del barocco siciliano alla magnificenza dello stile arabeggiante, questa terra ha fatto proprie architetture ed usanze.

La Sicilia è una regione straordinaria, capace di offrire vacanze da sogno senza necessariamente viaggiare oltre confine, oltremare, oltreoceano, perché c’è tutto un mondo al suo interno e scoprirlo è più facile di quanto pensiamo.

Rifletteteci, quando pensate alle vostre vacanze di “prossimità”.www.nonsonoicaraibi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *