MUSEI

Nel 2021 il MANN di Napoli si rinnova completamente

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli guarda al futuro, e lo fa nonostante la grave emergenza sanitaria che da mesi ha duramente colpito, e sta colpendo, anche, e forse soprattutto, il mondo della cultura e del turismo.

Qualche giorno fa infatti il MANN ha presentato il nuovo Piano Strategico 2020-2023. Edito da Electa, si tratta di un vero e proprio programma non solo su come il museo affronterà i prossimi mesi di pandemia, ma anche gli anni della ripresa turistica. Tante le novità già a partire dalla prossima primavera, che prevedono un’apertura vera e propria verso la città.

Secondo una nuova e avveniristica concezione museale, l’Archeologico si trasformerà in una piazza, o forse dovremmo dire un’agorà della cultura.

Il 2021 sarà un anno strategico, in cui il museo, grazie all’apertura della sezione Campania romana, nelle sale dell’ala occidentale (chiuse da ben cinquant’anni), coprirà un’estensione complessiva di 3000 mq.

Il museo si propone di diventare il cuore pulsante di un Quartiere della Cultura, il cui programma prevede anche la riqualificazione dell’antistante Galleria Principe di Napoli.

Un’altra interessante novità sarà l’atrio del museo, che diventerà ad accesso gratuito, compreso il Giardino della Vannella. 1000 mq ad ingresso libero, che comprenderanno anche i giardini storici dell’edificio.

Ma crescerà lo spazio anche della Sezione Pompeiana, con 670 mq di opere, ulteriormente arricchite dalle sale (nel braccio nuovo) della Sezione Tecnologica Pompeiana, che contribuiranno a fare del Museo Archeologico di Napoli il museo di archeologia più importante al mondo.

È un programma ricco, che comprende anche la ri-didascalizzazione di diverse sezioni, la rifinitura degli infissi fonte strada e l’impianto illuminotecnico.

Fitto anche il calendario di impegni istituzionali, a cominciare da gennaio 2021, quando il museo sarà sede di riunioni di settore del prossimo G20, ma è altrettanto ricco anche il calendario delle esposizioni: tra le mostre più attese del prossimo anno I Gladiatori, programmata per marzo, mentre nel 2022 arriveranno I Nuragici, Alessandro Magno, I Vulcanici, I Bizantini, e nel 2023 sarà la volta di Samarcanda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *