LIFESTYLE

L’estate italiana D&G nella collezione alta moda 2020

È un vero omaggio a Napoli e alla Campania l’ultima collezione di Dolce&Gabbana presentata on-line a porte chiuse a Palazzo Dolce & Gabbana. Tessuti che sembrano piastrelle di Vietri, abiti che rimandano alla Dolce Vita di Capri, preziosi gioielli che ricordano gli amuleti scaramantici di Napoli.

Una personale reinterpretazione del mito degli anni ’50 nei modelli che svolazzano via via davanti alla telecamera, in tessuti leggerissimi e fluttuanti. Immancabili gli occhiali da sole, i turbanti, i cappelli a tesa larga, talvolta larghissima, mentre le stampe degli abiti riportano alla vegetazione delle coste.

Coloratissima e sgargiante, la donna D&G della collezione Alta Moda osa, vestendosi di agrumi, che subito riportano al profumo degli eleganti cocktail estivi sull’isola azzurra.

Non manca un tocco oriental-chic in questo Sud fotografato da Dolce&Gabbana, con abiti ondeggianti come kimono di seta dipinti, impreziositi da collier di pietre rosse.

Una donna forte e volitiva quella di D&G, che osa nelle fantasie e nei colori, nelle forme a volte esagerate di abiti e accessori, e non teme nemmeno il confronto con le grandi dive del cinema del passato o donne che hanno fatto la storia: lo dimostrano i turbanti-fiorati che immediatamente ci riportano ad una Frida Kahlo qui un po’ geisha glamour, o i soprabiti con rifiniture in pelliccia che sembrano voler rievocare l’elegante Sophia Loren di Ieri, oggi, domani.

Ma la donna D&G è anche una donna pragmatica che all’eleganza abbina la comodità: scarpe basse sì, ma sempre con sfarzo come i preziosi infradito o sandali-gioiello.

In un momento storico in cui si pensa a viaggi di prossimità, Domenico Dolce e Stefano Gabbana pensano soprattutto a delineare un’ideale estate italiana, con quel tratto che subito rimanda, nell’immaginario collettivo, al glamour e lo stile tipico del nostro Paese: ai motivi floreali e quelli barocchi, si affiancano cartoline dai luoghi più belli d’Italia: Palermo e la Sicilia, Portofino e la Liguria, i Faraglioni e Capri che si fanno cartoline da indossare, sfoggiando gli iconici profili dei monumenti che le caratterizzano.

A fare da colonna sonora alla passerella di questo Luglio 2020, non poteva che essere un classico della canzone napoletana, Torna a Surriento e ‘o surdato ‘nnammurato cantate, come tradizione internazionale vuole, da un altro pezzo dell’Italia nel mondo, Il Volo.

E infine pois e strisce, tipiche dell’estate, contornati da peperoncini-corno-gioiello o orecchini a forma di ferro di cavallo, di scartellato, curnicielli e corna, perché la moda è anche questo, propiziare la buona sorte in ogni occasione con stile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *