Le tre Pietà di Michelangelo insieme in una mostra-evento a Firenze

È un evento quello che sta per avere luogo all’Opera del Duomo di Firenze, non una semplice mostra. Sì, perché per la prima volta saranno messe a confronto le tre pietà realizzate da Michelangelo, in tre diversi momenti della sua vita.

La più nota, la Pietà Vaticana, di cui si propone un calco (l’originale è nella Basilica di San Pietro) è una vera e propria icona della storia dell’arte al punto da essere spesso riletta da artisti e opere filmiche; la Pietà Bandini, reduce da un recente restauro e custodita proprio al museo dell’Opera, e il calco della pietà Pietà Rondanini, il cui originale, incompiuto, è all’interno del Castello Sforzesco a Milano.

L’esposizione sarà allestita proprio nella Tribuna di Michelangelo e partirà il prossimo 24 febbraio 2022 per restarvi fino al 1° agosto.

Un evento che farà parte della rassegna Mediterraneo frontiera di pace 2022, meeting cui prenderanno parte vescovi e sindaci del Mediterraneo a Firenze, dove è atteso anche Papa Francesco.

Michelangelo scolpì la Pietà Vaticana a poco più di vent’anni, l’ultima, la cosiddetta Rondanini, in età matura, poco prima di morire. Queste tre opere insieme offriranno non soltanto l’occasione per osservare la parabola artistica dello scultore, ma anche la sua maturazione spirituale, e il senso di questo momento religioso.

L’esposizione è curata dai direttori dei musei Barbara Jatta, Sergio Risaliti, Claudio Salsi, Timothy Verdon. La mostra è un progetto che vede eccezionalmente coinvolti i Musei Vaticani, il Museo dell’Opera del Duomo, il Museo Novecento di Firenze, il Castello Sforzesco di Milano e le istituzioni dell’Opera di Santa Maria del Fiore, Comune di Firenze, Comune di Milano e Fabbrica di San Pietro.

Il prossimo autunno i tre calchi in gesso delle Pietà originali saranno esposti a Milano, nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale in un nuovo allestimento progettato ad hoc.

In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo realizzato da Silvana Editoriale con saggi e schede dei curatori.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.