EVENTI E MOSTRE

Gemito, dalla scultura al disegno. On-line la mostra al Museo di Capodimonte a Napoli

Gemito, dalla scultura al disegno è la mostra dedicata allo scultore e disegnatore al Museo di Capodimonte a Napoli la cui inaugurazione era prevista per oggi, 19 marzo, e che si è invece trasformata in una presentazione virtuale alla stampa che prova oggi a restituire, non senza un po’ di amarezza, l’essenza di una delle esposizioni più attese.

La mostra è presentata con un video di quindici minuti di Carmine Romano, che ritrae 100 delle 150 opere esposte, e le racconta al pubblico.

L’esposizione, come ha sottolineato il direttore del museo, Sylvain Bellenger, ha tracciato un sottile fil rouge tra Parigi e Napoli, città natale dalla quale non è possibile separare l’artista, e di cui l’allestimento, bruscamente interrotto per le disposizioni del COVID-19, provava a restituire l’atmosfera del noto “atelier” del Vomero. La riapertura delle sale XX, XXI, XII sul paesaggio ricostruisce metaforicamente l’atmosfera del suo studio, immaginando Vincenzo Gemito che dalle sue finestre contempla il paesaggio meraviglioso napoletano, mentre è a lavoro sulle sue opere.

Gemito, dalla scultura al disegno – rendering allestimento

Sarà proprio a Parigi che l’autore troverà la consacrazione, in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi nel 1878, conoscendo importanti artisti a lui contemporanei come Meissonnier e Rodin.

Pastore degli Abruzzi, Vincenzo Gemito

Tanti gli appuntamenti che proveranno a raccontare la mostra, a cominciare da domani con Maria Tamajo Contarini, co-curatrice dell’esposizione, che ci farà conoscere le opere di Gemito presenti nelle collezioni del museo, grazie alle acquisizioni e alle donazioni.

Scultore realista con opere dal pathos straordinario, Gemito è stato anche un abile disegnatore, che ha reso con veridicità soprattutto ritratti e volti, cui dedicherà gli ultimi vent’anni della sua vita.

ragazza

A pochi anni dalla sua scomparsa, avvenuta nel 1929, è Parigi che gli dedicherà una prima retrospettiva con Gemito sculpteur de l’âme napolitaine. La mostra napoletana prova oggi a ripercorrere le tappe più importanti della vita e dell’opera di Gemito, dagli esordi agli amori, la francese Mathilde e la napoletana Anna, passando per i momenti bui della sua follia, fino alle ultime opere.

Qui il video della mostra:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *