Cappella Sansevero a Napoli celebra il Principe de Sangro con Abel Ferrara

Museo Cappella Sansevero a Napoli non soltanto ha finalmente riaperto le sue porte al pubblico, dopo la chiusura forzata dei musei a causa del coronavirus, ma celebra anche un anniversario importante per il sito, i 250 anni dalla morte di Raimondo de Sangro, settimo Principe di Sansevero.

Una ricorrenza unica che il museo festeggia con una chicca d’autore. Si intitola Laments ed è una speciale video-performance realizzata dal regista e attore Abel Ferrara e dalla poesia di Gabriele Tinti, e sarà pubblicata on-line su tutti i canali social del museo il 18 maggio alle ore 12.00 in occasione della Giornata Internazionale dei Musei.

I versi del poeta ispirati al Cristo Velato, la scultura di Giuseppe Sanmartino più nota di Cappella Sansevero, saranno così letti dall’artista newyorkese da sempre legato alla città di Napoli, per rendere omaggio all’opera più famosa di questo tempio barocco.

Gabriele Tinti si è ispirato alle lamentazioni funebri che sin dall’antichità rappresentavano la dimensione performativa e teatrale delle rappresentazioni sacre e cerimonie.

Questo interessante progetto, a metà tra cinema d’autore e performance artistica, rientra in un più ampio progetto di Tinti, intitolato Rovine, in cui il poeta mette insieme una serie di letture dal vivo recitate dinanzi ad alcune delle sculture classiche e pitture rinascimentali più celebri, coinvolgendo i più grandi musei del mondo.

«Questo è un anno speciale – ha commentato il presidente del Museo Cappella Sansevero, Fabrizio Masucci – a distanza di due secoli e mezzo, il ricordo del settimo principe di Sansevero è più vivo che mai: milioni sono i visitatori che negli ultimi anni sono venuti ad ammirare la Cappella, massimo capolavoro della sua mente, senza contare i tanti appassionati della sua figura di inventore, Gran Maestro della Massoneria, autore condannato dalla Chiesa e editore clandestino, in una parola, intellettuale fuori dagli schemi».

Gli eventi on-line, iniziati da marzo, per l’anniversario dalla morte del Principe, si sposteranno anche a Torremaggiore, città natale di Raimondo de Sangro.

Il video resterà on-line su tutti i canali social e siti del museo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *