Ai Musei di San Domenico a Forlì una mostra dedicata alla Maddalena

Sono particolarmente legato ai Musei di San Domenico a Forlì, chi mi segue sui social (se non lo fate, fatelo qui) sa bene che ci sono ritornato spesso, perché credo facciano percorsi di alta qualità e mostre mai banali. L’ultima, che celebrava la figura di Dante nel Settecentenario dalla morte del poeta, ha raggiunto straordinari livelli, ponendo in dialogo pittura, scultura, disegno in uno straordinario percorso quasi “escatologico” proprio come la Comedia dantesca.

Dal prossimo 4 marzo fino al 26 giugno 2022 questo polo museale si appresta a celebrare la Maddalena, donna-cardine della cristianità, la cui figura ha ispirato e continua ad ispirare opere d’arte nel mondo.

Maddalena. Il mistero e l’immagine, è questo il titolo della 17esima edizione di grandi mostre forlivesi, che hanno reso questa ridente cittadina romagnola una delle protagoniste della cultura nazionale, attirando negli anni oltre un milione e mezzo di visitatori dall’Italia e dall’estero.

Un percorso espositivo di ampio respiro, che parte idealmente dal III sec. d.C. per arrivare al Novecento inoltrato con oltre 200 opere provenienti da tutti i più importanti musei del mondo.

La Maddalena ha ispirato artisti come Giotto, Caravaggio, Botticelli, Tiziano, ma anche Donatello, Signorelli, Tintoretto, Rubens, passando per Hayez e Canova. Solo per citare alcuni dei protagonisti di questa mostra forlivese.

Capolavori di ogni tempo, che hanno immaginato e tratteggiato la misteriosa figura di questa donna, tra i seguaci di Cristo, che continua ad affascinare credenti e non. Chiamata Maria, è stata spesso collegata a momenti chiave della vita e la morte di Gesù di Nazareth. È forse proprio a questa donna, Maria Maddalena, in un tempo in cui la testimonianza delle donne non aveva valore, che Gesù affida il messaggio fondamentale della cristianità, prima ancora degli apostoli, e sarà questa figura a guidarci l’anno prossimo attraverso le più importanti pagine della storia dell’arte.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *