EVENTI E MOSTRE

A cena con Leonardo, on-line per Pasqua la mostra sull’opera di Da Vinci

Cosa aveva mangiato Gesù nella sua Ultima Cena?

Ce lo svela il Cenacolo Vinciano che mette a disposizione on-line, proprio in occasione dei giorni di Pasqua, A tavola con Leonardo, mostra nata dalla collaborazione con la direzione regionale Musei Lombardia e Haltadefinizione, che pubblicano così tutti i dettagli di una delle opere più note del Maestro del Rinascimento.

Si scopre così che la cena consumata da Gesù nell’affresco di Leonardo a Santa Maria delle Grazie a Milano non apparteneva alla tradizione ebraica, bensì una contemporanea dei tempi dell’artista.

Si scopre così che Gesù e i dodici apostoli avevano un mezzo bicchiere di vino, e sul tavolo ritroviamo melograni, pane, anche una saliera e un’anguilla con fettine d’arancia.

Tra le cose che è possibile ammirare in altissima definizione sul sito web del museo milanese, ritroviamo un’ampolliera con acqua trasparente, e possiamo ammirare addirittura una macchia bianca accanto a Giuda: secondo la tradizione, infatti, Giuda avrebbe versato il sale durante l’Ultima Cena (da qui il motivo della considerazione come gesto di malaugurio).

La cena tradizionale della Pesach, la Pasqua ebraica, annovera invece erbe amare, pane azzimo, charoset, agnello arrostito, vino.

«Il digitale – ha detto Emanuela Daffra, direttore regionale del polo museale della Lombardia, all’ANSA – non potrà mai sostituire l’emozione profonda che dà il trovarsi a tu per tu con l’opera, lo scoprirne le dimensioni, il coinvolgimento spaziale… ma questa tecnologia ci permette una esperienza impossibile: vedere da vicino, ben oltre i limiti dettati dalle necessità di conservazione del dipinto, a ingrandimenti impensabili per l’occhio umano che ci fanno scoprire segreti di tecnica esecutiva o dettagli che di solito passano inavvertiti. Insomma, sono un vero arricchimento dell’esperienza».

www.cenacolovinciano.org

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *