CINEMA,  VIAGGI

5 film per visitare la Grecia dal divano di casa

In questi giorni di clausura forzata, è fondamentale riuscire a mantenere la mente impegnata e proiettarsi verso il futuro, al post-quarantena, alla vita, al “dopo” che può e deve esserci. Così, ispirato dalla nuova stagione, dalle giornate che si allungano e dalla voglia di viaggiare, dopo la piccola lista di film da vedere per viaggiare in Italia, me n’è venuta in mente una che potrebbe aiutarvi a vedere la Grecia e, senza muovervi dal divano di casa, potrete trovare ispirazione e angoli nascosti per i vostri viaggi futuri attraverso questi cinque film.

Si tratta di generi completamente diversi tra loro, che spaziano dalla commedia romantica al thriller, passando per il musical e il drama d’autore. Un piccolo elenco che mostra questo Paese sotto aspetti diversi, che ha un unico comune denominatore: mostrarne la bellezza.

Le mie grosse grasse vacanze greche

Nia Vardalos in Le mie grosse grasse vacanze greche

Chiamato così in Italia per la presenza dell’attrice protagonista Nia Vardalos, famosa per Il mio grosso grasso matrimonio greco, ho sempre pensato che il titolo originale, My life in ruins (“La mia vita in rovina” o, se volete, “Le rovine della mia vita”), benché meno intuitivo sarebbe stato molto più adatto. Nia è qui una guida turistica, greca appunto, che mostra agli stranieri l’arte e il mito dell’Antica Grecia. Tra vocaboli greci, sapori e archeologia, questa commedia romantica molto divertente vi prendere una piccola vacanza dalla routine quotidiana, e casalinga, di questi giorni, e vi proietterà tra la meraviglia dei panorami greci, il fascino senza tempo delle rovine antiche e una sana dose di buon umore.

Mamma mia!

Meryl Streep, Christine Baranski, e Julie Walters in Mamma Mia!

Musical campione d’incassi a Broadway con le canzoni degli ABBA, diventa un film con il premio Oscar Meryl Streep nel 2008. Il titolo è dell’omonimo successo che il gruppo svedese pubblicò nel 1975. Nel cast anche Amanda Seyfried, Pierce Brosnan e Colin Firth. Sophie (la Seyfried), figlia della Streep, che vuole invitare al proprio matrimonio il suo vero padre. Non sapendo però con certezza chi sia invita tre uomini di cui scopre leggendo il diario segreto che sua madre scriveva da ragazza. Da qui una serie di rocambolesche avventure a suon di musica. A fare da sfondo a tanta bellezza musicale e non, il sole e l’azzurro del mare di una Grecia incontaminata. Una chicca: in pochi sanno che la trama prende spunto da un film del 1968 con Gina Lollobrigida, Buonasera, signora Campbell.

Particolarmente consigliato a chi ha voglia d’estate.

I due volti di gennaio

Kirsten Dunst, Viggo Mortensen, e Oscar Isaac in I due volti di Gennaio

Cambiamo decisamente registro, con questo thriller del 2014 con Kirsten Dunst e Viggo Mortensen. Tratto dall’omonimo romanzo di Patricia Highsmith del ’64, il film vede una coppia di americani in viaggio in Europa e in fuga dalla polizia. In Grecia si imbattono nel giovane Oscar Isaac, ambigua guida turistica locale di origine americana, che li porta alla scoperta del posto. Atene, l’Isola di Creta e il fascino orientale della Turchia sono alcuni dei luoghi che potrete ammirare, insieme a iconici siti di archeologia, mentre con il fiato sospeso vi interrogherete sulla sorte dei protagonisti.

Il mandolino del Capitano Corelli

Nicolas Cage e Penélope Cruz in Il Mandolino del Capitano Corelli

Tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore britannico Louis de Bernières, questo film del 2001 vede protagonisti Nicolas Cage, Penelope Cruz e Christian Bale, in un triangolo amoroso che si muove sulla scena della seconda guerra mondiale. Grecia, 1941. La giovane Pelagia (la Cruz) si fidanza con il pescatore Mandras che, arruolatosi tra i partigiani greci, è costretto a partire per combattere gli invasori italo-tedeschi. Sull’isola nel frattempo arriva l’esercito del Capitano Antonio Corelli (Cage), che sembra però più interessato alla musica che non alla guerra ed è un abile suonatore di mandolino. L’uomo si innamorerà della bella Pelagia, che prima sembra respingere le sue avance e pian piano cederà al fascino dell’uomo.

Qui è una Grecia più bucolica, quella che si mostra, tra ulivi, terra rossa e panorami più aspri.

Cosa succederà? Beh, guardate il film.

Before Midnight

Ethan Hawke e Julie Delpy in Before Midnight

Ultimo capitolo della trilogia di Richard Linklater, è un vero e proprio “esperimento cinematografico”, poiché girato a dieci anni esatti dal secondo e venti dal primo, e vede invecchiare i due attori, Ethan Hawke e Julie Delpy, insieme ai propri personaggi cui hanno dato vita nell’ormai lontano 1995. Qui i loro Jesse e Celine, dopo essersi rincontrati nove anni prima, convivono a Parigi insieme a due gemelle. Ospiti di un famoso scrittore in Grecia, i due attori, che con il regista sono anche sceneggiatori della pellicola, eviscerano il rapporto di coppia giunto, forse come suggerisce il titolo, prima di mezzanotte, sull’orlo di una crisi irreparabile.

E mentre ci chiediamo se questa coppia del cinema resterà insieme o deciderà di separarsi, possiamo ammirare la campagna greca, con i suoi ulivi, i suoi bellissimi tramonti, angoli inesplorati in cui si innestano le vite dei due protagonisti.

Un modo, attraverso i film, di partire con la fantasia e rallegrare le nostre giornate, nell’attesa di riprendere i trolley e andare a scoprire il mondo.

E voi dove vorreste andare dopo la quarantena?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *