EVENTI E MOSTRE

World Press Photo 2019 al MANN di Napoli fino all’11 novembre

Ritorna a Napoli per il quarto anno consecutivo World Press Photo, l’esposizione di fotogiornalismo più importante al mondo, e lo fa in uno dei musei più importanti al mondo, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Un museo di archeologia con la vocazione per l’arte contemporanea, è così che il MANN avvicina i suoi reperti alla vita quotidiana. Esposizioni tra installazioni multimediali e arte contemporanea, passando per la fotografia d’autore e il foto-giornalismo.

45 paesi, per un percorso di visita realizzato da CIME in collaborazione con il MANN, che affiancherà i reperti di archeologia nell’Atrio. Il MANN invita a riflettere sull’attualità, in perenne dialogo con il passato non solo archeologico ma di ognuno di noi.

«Ritengo molto significativo l’incontro tra il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il WORLD PRESS PHOTO: il grande fotogiornalismo mondiale, testimone coraggioso della libertà d’espressione anche nei contesti più difficili, si confronta con i capolavori dell’arte classica custoditi al MANN. – ha detto il Direttore del MANN, Paolo Giulierini – Guerre, violenza, migrazioni, ma anche bellezza e solidarietà, sfide con la natura, popoli in cammino, dimostrano che la storia umana si ripete, letta oggi attraverso la potente fotografia di cronaca così come ieri raffigurata in dipinti, mosaici, affreschi. siamo quindi il benvenuto a questa straordinaria mostra e ai suoi protagonisti: un mese di emozioni ci attende».

Una mostra dal valore sociale, culturale ed educativo, che ben si sposa con altre iniziative del museo napoletano, come l’altra mostra di recente apertura, Capire il Cambiamento Climatico.

Marco-Gualazzini

Sono 144 le immagini selezionate da questo importante contest di fotografia, che per la prima volta ha introdotto il premio World Press Photo Story of the Year, assegnato al fotografo “la cui creatività visiva e abilità hanno prodotto storie fotografiche con eccellenti editing, riguardanti un grande evento o una questione di rilevanza giornalistica del 2018” e che per la prima volta è andato a olandese Pieter Ten Hoopen con il progetto The Migrant Caravan, un foto-racconto che ha documentato un fenomeno di immigrazione che parte dall’Honduras e diretta negli Stati Uniti.

World Press Photo 2019 arriva a Napoli grazie all’impegno di Vito Cramarossa, presidente di CIME – Culture e Identità Mediterranee, e farà parte integrante del percorso museale del MANN fino all’11 novembre 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *