EVENTI E MOSTRE

Ritornano le domeniche al museo: ecco quelli da scoprire a Napoli

Nuovo governo, vecchie abitudini. Con il rimpasto del Governo Conte, che ha riportato Dario Franceschini alla guida del Ministero dei Beni Culturali, ritorna la domenica al museo contestate dall’ex ministro Bonisoli, con l’ingresso gratuito nei parchi e musei statali nella prima domenica di ogni mese.

Si ricomincia domani, domenica 6 ottobre, con la riapertura di tutti i siti e musei statali.

E sono davvero tante le cose da vedere nella sola città di Napoli, mia città natale e luogo del cuore, che dall’archeologia all’arte contemporanea riesce a soddisfare tutti i palati culturali.

Si comincia con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, reduce dal grande successo della mostra dell’anno, Canova e l’Antico (oltre 200.000 visitatori), continua ad affascinare con le sue sale di arte antica. Da scoprire la bellissima sezione Magna Grecia (aperta poco prima dell’estate) e quella Egizia.

Da segnalare, per gli appassionati di archeologia, il coupon La Via dell’Archeologia: se visitate l’Archeologico a Napoli, cercate il counter all’ingresso con i coupon La Via dell’Archeologia. Avrete la possibilità di scoprire il percorso sotterraneo della Basilica della Pietrasanta – LAPIS Museum, a soli 3€. Il percorso ipogeo ospita in questo momento la mostra Sacra Neapolis. Culti, miti, leggende con 150 reperti inediti provenienti proprio dai depositi del MANN.

Non può mancare il Museo e Real Bosco di Capodimonte, vero gioiello del collezionismo e oggi straordinario polo museale che va dall’arte rinascimentale a quella contemporanea. Un consiglio: date uno sguardo alla bellissima collezione di porcellane di Capodimonte, tipiche di quest’area, prodotte proprio nelle fabbriche reali e alcuni bellissimi pezzi d’arte firmati Ginori.

E a proposito di porcellane, se è la ceramica la vostra passione, approfittatene per fare un salto al Museo della ceramica Duca di Martina in Villa Floridiana, che vanta tra l’altro una bellissima collezione di ceramica orientale.

Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes e Museo delle Carrozze

Al Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes e Museo delle Carrozze, oltre a vedere quella che era la residenza del Principe Pignatelli-Cortes da cui prende il nome l’edificio, in quelle che erano le scuderie della villa ben trentaquattro esemplari di carrozze e calessi di produzione francese, inglese e italiana raggruppati per tipologie.

Se invece vi sentite particolarmente avventurosi, e volete sfidare un po’ il tempo avverso di questi giorni, è possibile visitare gratuitamente i più importanti parchi archeologici della Campania: da Pompei, ai Campi Flegrei e l’Anfiteatro Flavio, dal Parco Archeologico di Cuma agli Scavi di Oplontis, passando per Paestum.

Proprio in quest’area, se vi spingete fino a Padula, visitate la Certosa di San Lorenzo, vero gioiello del barocco campano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *