Senza categoria

Nexo Digital porta di nuovo la Grande Arte al Cinema con sette nuovi film

L’anno ormai volge al termine. Dopo una grande stagione cinematografica che ha portato nelle sale importanti eventi d’arte come Michelangelo, Caravaggio e Degas soltanto per citarne alcuni, anche il 2020 si prospetta come un anno ricco di appuntamenti da non perdere.

Si parte con Leonardo. Le opere. Il 13-14-15 febbraio, concludendo un anno, il 2019, di celebrazioni del Cinquecentenario della morte del genio del Rinascimento attraverso le sue opere in Ultra HD, tra cui La Gioconda, L’Ultima cena, La Dama con l’ermellino, Ginevra de ‘Benci, La Madonna Litta, La Vergine delle Rocce.

Sono ben sette i nuovi titoli con cui Nexo Digital porta di nuovo la Grande Arte al Cinema, con artisti che vanno da Botticelli a Leonardo, da Raffaello a Freud, passando per la pittura impressionista e Modigliani, grande protagonista di una mostra a Livorno fino al 16 febbraio 2020.

Sono molti infatti i titoli che mutuano i loro contenuti da mostre che saranno ancora in corso al momento della programmazione, come Impressionisti Segreti, mostra del Gruppo Arthemisia a Palazzo Bonaparte fino all’8 marzo 2020, che arriva nelle sale il 10-11-12 febbraio. Prodotto da Ballandi Arts e la stessa Nexo Digital, vede la regia di Daniele Pini e racconterà, come l’omonima mostra, la grande evoluzione artistica del movimento impressionista attraverso le 50 opere che compongono l’esposizione. Saranno le stesse curatrici della mostra, Claire Durand-Ruel e Marianne Mathieu, ad accompagnare il pubblico in un percorso che analizzerà come furono accolte le opere, come passarono dall’iniziale rifiuto alla totale ammirazione. Manet, Caillebotte, Renoir, Monet, Berthe Morisot, Cézanne, Signac, Sisley, saranno così sia il punto di partenza che quello di arrivo nell’approfondimento dei percorsi dei singoli autori e delle peculiarità del movimento impressionista.

In occasione del Centenario della morte, arriverà il 30-31 marzo e 1 aprile Maledetto Modigliani (cui è invece dedicata una grande mostra a Livorno fino al 16 febbraio 2020) un artista diventato sin da subito un classico contemporaneo, con le sue caratteristiche figure femminili dai colli affusolati. Prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital, vede la regia di Valeria Parisi. Un film che ripercorrerà la produzione dell’artista, dagli esordi nella natia Livorno alla Parigi di Picasso Brancusi.

Il 14 e il 15 aprile, in occasione della Pasqua (che si celebrerà il 12), arriva La Pasqua nell’Arte, un documentario che ripercorre i temi classici di questa festività cristiana, come la morte e la resurrezione di Cristo. Girato tra Gerusalemme, gli Stati Uniti e l’Europa, La Pasqua nell’Arte esplora i diversi modi in cui gli artisti hanno rappresentato la morte e la rinascita attraverso i secoli: chi in maniera trionfante, chi in modo più intimo e primitivo.

Se in questi giorni vi siete fatti prendere dalla fiction i Medici su raiuno, allora il 27-28-29 aprile non dovete perdere Botticelli e Firenze. La Nascita della Bellezza. Prodotto da Sky con Ballandi e Nexo Digital e diretto da Marco Pianigiani, il documentario mostra proprio lo splendore della Firenze di Lorenzo de’ Medici e la creatività e il genio dell’artista che più di tutti ha contribuito a renderla grande agli occhi del mondo, Sandro Botticelli. Un film che attraversa i secoli e mostra quanto l’opera di Botticelli sia viva nella cultura popolare come dimostrano gli omaggi di artisti contemporanei come Salvador Dalì a Andy Warhol, da David LaChapelle a Jeff Koons e Lady Gaga.

Il 2020 sarà anche l’anno della celebrazione del Cinquecentenario della morte di Raffello Sanzio, che Nexo Digital celebrerà il 25-26-27 maggio con Raffaello. Il Giovane Prodigio, titolo più che appropriato per un artista prematuramente scomparso a soli trentasette anni. Un film che racconterà la vita e le opere dell’artista attraverso i suoi grandi ritratti femminili e le donne che li hanno ispirati.

A chiudere la prima parte dell’anno sarà Lucian Freud. Autoritratto. Anche questo film mutua molto dalla grande esposizione alla Royal Academy di Londra con oltre 50 opere dell’artista. Nipote del più noto Sigmund Freud, è protagonista indiscusso della grande arte del dopoguerra londinese, realizzando autoritratti a cominciare dal 1939. Il film percorre questa mostra storica in cui Freud rivolge con fermezza il suo sguardo critico su se stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *