EVENTI E MOSTRE

I volti di Canova. Alla GAM di Milano fino al 15 marzo 2020

Durante il mio ultimo soggiorno a Milano, ho visitato diverse mostre, tra le quali Canova. I volti ideali. Questa esposizione, alla Galleria di Arte Moderna di Milano, è l’ideale, è proprio il caso di dirlo, prosecuzione di Canova/Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna (alle Gallerie d’Italia).

Sono 37 le opere esposte, di cui 24 realizzate dallo stesso Canova, attraverso le quali la mostra ricostruisce la genesi e l’evoluzione dell’ideale di bellezza dello scultore veneto, di cui ben cinque quelle mai esposte nel nostro Paese, tra le quali ritroviamo l’erma di Corinna e la Musa del 1817.

In un raffronto tra l’antico e il moderno, la mostra, perfettamente incastonata nelle eleganti sale della GAM, svela i modelli da cui ha preso ispirazione l’artista, e la loro rielaborazione che ha portato alle sue opere senza tempo.

Mutua molto dalla statuaria e scultura romana, Canova, nelle acconciature delle sue muse e delle donne, che ricordano le matrone romane, negli abiti, che ricordano i pepli greci, in quella realizzazione di volti ieratici e al tempo stesso così espressivi.

L’allestimento, quasi impercettibile, lascia dialogare le opere con le sale al piano terra della GAM.

Non solo volti scolpiti da Canova, ma anche Adolfo Wildt, Giulio Paolini, Antonio Corradini, scultore che a Napoli ha realizzato la straordinaria statua della Pudicizia per la Cappella Sansevero.

Importanti i prestiti di questa esposizione, provenienti da i principali musei italiani e prestigiosi musei internazionali: dagli Uffizi a Firenze alla Gipsoteca Canoviana di Possagno, dalla Galleria di Arte Moderna di Torino al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, passando per il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo e il J. Paul Getty Museum di Los Angeles.

Curata da Omar Cucciniello e Paola Zatti, l’esposizione è promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, Galleria d’Arte Moderna di Milano e dalla casa editrice Electa, e resterà alla Galleria di Arte Moderna di Milano fino al prossimo 15 marzo 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *