Beyoncé pubblica a sorpresa l’album LEMONADE

Ci sono artisti cui, superata una certa soglia, non interessa più occhieggiare al successo commerciale, ma la loro carriera si trasforma in un percorso, magari in tono minore, di ricerca, sperimentazione, qualità. È quello che ha fatto Beyoncé Knowles che, dopo Grammy e milioni di dischi venduti, nemmeno si preoccupa di annunciare con largo anticipo l’uscita dei suoi nuovi lavori, ma li pubblica all’improvviso su iTunes richiamando ugualmente una grande attenzione mediatica. L’ha fatto due anni fa con il suo album omonimo, facendo della copertina total black con il suo nome stagliato sopra in rosa una vera icona, lo ha rifatto oggi con LEMONADE, progetto discografico ambizioso, anticipato soltanto da un evento in onda ieri sulla HBO.

Il disco dell’ex Destiny’s Child infatti è un nuovo progetto visuale, che va al di là dei videoclip abbinati alle sue tracce come nel precedente lavoro, e si fa vero e proprio percorso visionario e visivo, tramutandosi in un film, il cui filo conduttore è la sua passione per la musica e la voglia di rimettersi in gioco.

LEMONADE è un album fondamentalmente un album dall’impianto R&B, ma non monotono, che spazia sapientemente dai toni un po’ vintage delle tracce d’apertura quali Pray you catch me e l’orecchiabile Hold up, passando ai virtuosismi vocali di Sorry.

Un disco che non disdegna suoni nuovi, acustici, come mostra il cauntrieggiante Daddy Lessons.

Tredici tracce in cui Queen Bey si diverte, anche con sound un po’ lounge, come Love Drought.

Il disco, come l’ultimo lavoro di Rihanna, è edito dalla Tidal, etichetta discografica del marito Jay-Z di cui Beyoncé fa parte. E di RiRi ne riprende l’impianto, lasciando le ballad in chiusura. Bellissima Sandcastles, in cui Beyoncé esprime al massimo la sua voce calda, Forward accompagnata dal piano.

In chiusura Formation, singolo di lancio di questo lavoro musicale atipico, che insieme a Freedom e All Night rappresentano i brani più sperimentali di un disco che non deluderà i fan dell’artista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *