A Cuma riemerge una tomba del II secolo a.C. perfettamente conservata

È una Campania ancora da scoprire, quella che qualche giorno fa ci ha restituito una spettacola tomba, oggetto di studio degli archeologi, rinvenuta nell’antica necropoli di Cuma, città ad ovest di Napoli.

A fare la scoperta Priscilla Munzi, ricercatrice del Centre Jean Bérard (CNRS – École française de Rome) e Jean-Pierre Brun, professore del Collège de France, che da quasi vent’anni lavorano all’interno del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, sulla costa tirrenica, proprio di fronte all’Isola di Ischia.

Nuova tomba scoperta nel parco archeologico dei Campi Flegrei. Per gentile concessione E. Lupoli, Jean Bérard Centre (CNRS/École française de Rome)

Secondo le fonti storiche questa è considerata come la più antica colonia greca in Occidente, fondata dai greci provenienti da Eubea intorno alla metà dell’VIII secolo a.C.

Importantissima la scoperta di questa tomba, la cui datazione risale al II secolo a.C., le cui pitture conservano perfettamente la scena di un banchetto.

Tematica, quella del banchetto, che ritorna di frequente. Proprio nell’ambiente magnogreco vale ricordare la ben più nota Tomba del Tuffatore, risalente al 480 a.C., che alla raffigurazione del defunto che si tuffa idealmente nel mondo dei morti, vede affiancata scene simposiali con dieci uomini adagiati sui tipici triclini con aria festante.

Il simposio era un momento conviviale in cui solo gli uomini bevevano discorrendo, intrattenendosi in conversazioni colte, e che faceva seguito proprio al momento del banchetto.

Nuova tomba scoperta nel parco archeologico dei Campi Flegrei. Per gentile concessione E. Lupoli, Jean Bérard Centre (CNRS/École française de Rome)

Entrambi i momenti, quello del banchetto e quello del simposio, grande fortuna conoscono in ambiente etrusco, che adatta e fa propri questi modelli, rielaborandoli a seconda della sensibilità del contesto in cui erano recepiti, non è insolita la scena del banchetto, che ritorna anche nell’arte etrusca, i cui esempi più noti sono La tomba della Caccia e della Pesca e la Tomba del Frontoncino (entrambe a Tarquinia).

Una scoperta, quella di Cuma, che pone al centro l’importanza archeologica di quest’area, e che meriterebbe da parte delle amministrazioni locali, maggior attenzione per renderne più agevole la fruizione, con migliori collegamenti su gomma e una maggiore promozione, per quello che è un patrimonio unico al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *